Ecco Refertazione remota, il network che offre servizi di videoconsulenza su diverse aree cliniche

Print pagePDF page

Grottammare- Creato dalla giovane imprenditrice Francesca Mandolesi

Il Covid 19, ha cambiato inevitabilmente le nostre abitudini.

Si è abbattuto sulla nostra quotidianità, spingendoci a rivedere il nostro modo di porci di fronte alla realtà, e per molti è stata un’occasione di reinventarsi, mettendosi in gioco dando spazio alla propria creatività ed imprenditorialità.

É il caso ad esempio della giovane imprenditrice nel campo della medicina Francesca Mandolesi che per venire incontro alle esigenze dei pazienti, ha creato il network Refertazione Remota, piattaforma che offre servizi di videoconsulenza su diverse aree cliniche.

“Quasi dieci anni fa, nel 2012- chiosa Francesca Mandolesi- il Consiglio superiore di sanità ha approvato le Linee di indirizzo italiane sulla telemedicina.

La modalità di erogazione di servizi di assistenza sanitaria, tramite il ricorso a tecnologie innovative, in particolare alle tecnologie della informazione e comunicazione, in situazioni in cui il professionista della salute e il paziente non si trovano nella stessa località.I servizi di telemedicina vanno assimilati a qualunque servizio sanitario diagnostico/terapeutico. Tuttavia, la prestazione in telemedicina non sostituisce la prestazione sanitaria tradizionale nel rapporto personale medico-paziente, ma la integra per potenzialmente migliorare efficacia, efficienza e appropriatezza. Tale modalità è stata successivamente approvata e adottata con varie delibere dalla Regione Marche.

Il videoconsulto è parte integrante del più ampio sistema telematico di fornitura delle prestazioni sanitarie al cittadino. Elimina le distanze tra paziente e specialista. Esso è particolarmente utile soprattutto alla popolazione che vive in aree remote, come per esempio in montagna o in aree con scarsa copertura ospedaliera e a tutte le persone che per motivi fisici, familiari o lavorativi non possono spostarsi dalla proprio luogo di residenza. Indipendentemente dalle distanze il videoconsulto può essere un ottimo strumento per accelerare il processo di diagnosi e cura, ridurre lo stress e il disagio, là dove è possibile, senza doversi recare nelle strutture sanitarie”.

La Mandolesi evidenzia l’importanza del servizio in un’ottica di sicurezza, specie in questo periodo così particolare

“In questo particolare momento in cui è importante contenere gli spostamenti, evitare assembramenti e più presenze in sale di attesa degli ambulatori, al fine di  eviatare i contagi da COVID 19, questo servizio assume una rilevanza fondamentale.

Con questo sistema al paziente  non necessitano particolari cognizioni informatiche, può accedere facilmente al videoconsulto tramite internet al sito www.refertazioneremotanetwork.it e, guidato dalle facili indicazioni suggerite dal sistema, si mette in contatto con lo specialista prescelto che lo ascolterà e darà risposte e consigli clinici urgenti.

Se al momento del consulto il professionista lo riterrà necessario e urgente, con il necessario accordo del paziente, questo verrà invitato a presentarsi personalmente presso la struttura medica indicata per una visita e il completamento diagnostico clinico nonchè per la prescrizione di farmaci e controlli strumentali”.

Il sistema offre una vasta gamma di professionisti altamente qualificati e che coprono le seguenti aree cliniche:

Il Prof. Walter Pascale

  • Ortopedia

  • Chirurgia vascolare

  • Gastroenterologia

  • Ginecologia

  • Urologia

  • Cardiologia

  • Otorino

  • Psicologia

  • Chirurgia addominale

  • Radiologia

  • Allergologia

  • Nutrizione

  • Medicina estetica

  • Dermatologia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento