Corto circuito ed incendio nella casa paterna dell’avvocato Fanini

Print pagePDF page

S.Egidio-Tanta la paura ma fortunatamente i danni sono stati limitati. Cucina distrutta

IMG_3987-2Fumata nera domenica nel tardo pomeriggio nella casa paterna in Corso Adriatico a S.Egidio, del conosciuto avvocato Vincent Fanini coordinatore provinciale di FI.
Un segno premonitore per le prossime elezioni?
Battuta a parte, la paura é stata tanta visto che il corto circuito che ha interessato la cucina avvolta in poco tempo dalle fiamme, avrebbe potuto avere conseguenze ben piú gravi se non fossero intervenuti Francesco Gemmi titolare del Ristorante Cotto e Mangiato adiacente la casa e Nazzareno, detto Zé, un muratore albanese da anni residente a S.Egidio che vedendo il fuoco e sentendo l’odore acre sono entrati nella casa ed hanno evitato il peggio grazie agli estintori.
“A quell’ora-afferma il legale Fanini- mia madre e mia sorella erano a messa. Ringrazio di cuore Francesco e Nazzareno che incuranti del pericolo sono penetrati in casa ed hanno fatto si che le fiamme fossero giá circosritte all’arrivo dei Vigili del Fuoco di Nereto tempestivi e professionali. Sono riusciti anche a salvare il cagnolino di famiglia che spaventato si era rifugiato sotto il letto e al quale mia madre é particolarmente affezionata.
La cucina deve essere competamente rinnovata, ma va bene cosí visto che i danni potevano essere tanti e tanti di piú e soprattutto che non sono stati coinvolti i miei familiari”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento