San Benedetto- All’evento hanno assistito alcune centinaia di persone, tra famiglie, accompagnatori, turisti e semplici curiosi.

Si è svolta la sesta edizione della manifestazione LEGA  ALL’AMO, la gara di pesca per bambini  organizzata dalla Lega Navale Italiana di San Benedetto del Tronto.
Oltre 70 bambini, provenienti da tutte le provincie marchigiane e anche da molte altre regioni, si sono sfidati in una simpatica gara di pesca all’interno dell’area portuale, nella zona del Molo Nord. All’evento hanno assistito alcune centinaia di persone, tra famiglie, accompagnatori, turisti e semplici curiosi.
Presente anche la FISA (Federazione  Italiana Salvamento Acquatico) che ha provveduto all’assistenza e alla sicurezza in mare.
I giovanissimi partecipanti – ai quali sono state fornite canne da pesca, esche e pasture – per quasi due ore si sono cimentati nella pratica di pesca sportivaCatch and Release“, a coerenza del messaggio di rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema marino che gli organizzatori hanno inteso veicolare con la manifestazione.
Le classifiche finali hanno riguardato due categorie: giovani e ragazzi; nella prima la coppa del vincitore è andata a Pignotti Diego, di anni 7, con quattro pesci per un totale di 109 cm; nella seconda il primo classificato è stato Reschini Lorenzo, di anni 13, con ben nove pesci per un totale di 114 cm.
La Lega Navale Italiana nel ringraziare tutte le aziende, le associazioni e gli enti che col loro sostegno hanno reso possibile l’ottima riuscita dell’evento, dà appuntamento alla Scuola di Pesca per bambini “LEGA SOTTO I MARI” in programma dal 1 al 5 agosto. Per informazioni contattare il 3485153422
Si ringrazia in modo particolare: il Comune di San Benedetto del Tronto,  la Capitaneria di Porto, la FISA, la Navaltecnica Costruzioni Navale Srl,  la Paoletti Bibite, il negozio Decathlon di San Benedetto del Tronto, il Panificio Ciarrocchi Enrico, la Tecno Esca, Verde Azzurro articoli da pesca, Alba Pesca, Podium Premiazioni, la Dienpi Srl, Fortek Nautica, la TMT, l’Industria Alimentare Sabelli.

Lascia un commento