La sicurezza in mare passa per la Lega Navale

Print pagePDF page

S.Benedetto- Successo per la giornata dedicata alla sicurezza in mare organizzata dalla Lega Navale di San Benedetto in collaborazione con la Capitaneria di Porto

FISA

Giornata sulla sicurezza in mare © Graffitinews

Una giornata dedicata alla sicurezza in mare in vista dell’imminente stagione estiva organizzata dalla Lega Navale di San Benedetto in collaborazione con la Capitaneria di Porto e che ha visto impegnati oltre agli organizzatori, la Federazione Italiana Salvamento Acquatico (FISA) e varie associazioni di protezione civile coordinate dal responsabile provinciale Iole Egidi: l’ARI RE Marche, l’ARI San Benedetto, l’Ari Ascoli Piceno,la Sipem Marche, la Gre Avpc di Colli del Tronto, Associaizone nazionale carabinieri di Spinetoli, la Chimaera, la Misericordia di Grottammare.

Principali destinatari i bambini in particolar modo i piccoli studenti dell’ISC Sud ospitti della manifestazione che accompagnati dalle loro insegnanti hanno avuto modo di vivere sul campo ed in prima persona un’esperienza unica e sicuramente di stimolo per la loro crescita.

E’stato il comandante della Capitaneria di porto, C.F. (CP) Gennaro Pappacena a illustrare iniseme al presidente della Lega Navale le finalità della giornata.

Pappacena ha evidenziato il ruolo chiave svolto dalla Guardia Costiera nella gestione delle emergenze in mare e l’importanza di creare una rete con le associazioni che perseguono le stesse finalità.

A tal proposito ha richiamato l’attenzione sul Numero per le Emergenze 1530, rinnovando la piena disponibilità dell’Autorità Marittima a costituire un punto di riferimento per tutte le problematiche dell’utenza balneare  che dovessero emergere durante la stagione estiva.

Sono state però le esercitazioni pratiche in acqua la parte clou della giornata.che hanno calamitato l’attenzione dei bambini e di numerosi bagnanti che si sono riversati sulla battigia.

Le dimostrazioni hanno riguardato l’apertura di una zattera di salvataggio, il recupero di un natante in panico su scogli dopo il rovesciamento di barca a vela scuffiata con falla segnalata con fumogeni, pronto soccorso a seguito di annegamento in mare con rianimazione cardiopolmonare, l’intervento dei cinofili per il salvataggio di un naufrago.

Quest’ultima in particolare ha visto protagonista l’unità cinofila della FISA Abruzzo coordinata da Angelo Lepore coadiuvato da Antonio Moccia con il cane di salvamento Ambra applauditissima e coccolatissima dai piccoli ospiti e star indiscussa della bella mattinata di formazione.

“E’ stata una giornata costruttiva- ha affermato Marino Caporossi responsabile FISA di Teramo- Abbiamo svolto diverse esercitazioni tutte portate a termine in maniera positiva ed efficace grazie alla profssionalità di tutti gli operatori coinvolti. La presenza del piccolo pubblico ha contribuito a rendere ancora più interessante e piacevole il tutto.”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento