Sicurezza in acqua, al via i corsi della FISA

Print pagePDF page

S.Egidio-La Federazione Italiana Salvamento acquatico guarda anche alle  popolazioni terremotate

DSCN2008La Federazione Italiana Salvamento Acquatico è da ormai diversi anni presente sul territorio per promuovere la salvaguardia della vita umana in mare, attraverso l’organizzazione di eventi mirati, esercitazioni e corsi di formazione.

E’imminente la partenza del nuovo corso per il conseguimento del brevetto di ‘Assistente Bagnante’ riservato a candidati dai 16 ai 55 anni.

“Sono previste-afferma il delegato provinciale FISA Teramo Marino Caporossi– lezioni teoriche in aula, lezioni pratiche nelle piscine di S.Egidio, Nereto e Teramo che verteranno sulle tecniche natatorie mirate al salvamento e all’allenamento e lezioni pratiche in mare nel corso delle quali i candidati impareranno ad utilizzare tutti i presidi di salvataggio a disposizione oltre a svolgere salvataggi in diverse condizioni meteo-marine e scenari operativi, operando sempre in assoluta sicurezza.

Grande importanza sarà data al modulo di primo soccorso e tecniche di rianimazione cardio-polmonare tenuto da un medico specializzato, secondo le direttive ministeriali”.

Al termine del corso, i candidati dovranno sostenere un esame e saranno valutati da una commissione composta da rappresentanti della Guardia Costiera, da un medico, oltre che dai maestri di salvamento FISA. Il brevetto rilasciato, darà diritto a crediti scolastici o punteggi nei concorsi.

In aggiunta si organizzano corsi per il rilascio di brevetti BLS-D, per l’abilitazione alla rianimazione cardio-polmonare con l’utilizzo del defibrillatore, e brevetti di somministrazione di ossigeno in emergenza.

Per informazioni ed iscrizioni si può contattare il responsabile FISA provincia Teramo Marino Caporossi al 329.0914065, il delegato FISA S.Egidio Mario Orsatti al 348.7555797 o scrivere a fisa.teramo@fisasalvamentoacquatico.it.

La Fisa ha deciso di offrire il corso a tutti i residente delle zone colpite dal terremoto che stanno tutt’ora vivendo situazione di forte disagio.

“Come FISA-afferma il presidente nazionale Raffaele Perrotta-vogliamo essere vicini alle persone messe a dura prova dal terremoto. Un piccolo gesto rivolto soprattutto ai giovani affinchè non perdano la speranza e trovino la forza di reagire”.

Un piccolo gesto dal grande significato che dimostra la sensibilità della Federazione verso problematiche sociali che le rende sicuramente onore.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento