Promozione Abruzzo, Notaresco vs Mutignano, nel ricordo della Chapecoense

Print pagePDF page

Notaresco- Tre giocatori brasiliani militanti nel Notaresco hanno avuto l’opportunità di ricordare i loro connazionali morti nella strage aerea

15337546_375004772833692_7005462659806024688_nMenegussi Tarlyson, Medici Tullio e Lima Cresto sono nomi che nemmeno ai più grandi esperti di calcio dicono qualcosa. Sono calciatori di nazionalità brasiliana. Certo non giocano in un blasonato club di Serie A o di Serie B, non hanno addosso i riflettori delle grandi testate nazionali e internazionali, non commettono gesti antisportivi, non guadagnano decine di migliaia di euro, non vanno ad allenarsi con sgargianti fuoriserie. Manifestano solamente la loro passione per il calcio in una piccola squadra di provincia, il Notaresco calcio, che milita nel campionato di Promozione della regione Abruzzo girone A.

15317799_375004702833699_7096548958964155821_nEbbene ,nel match Notaresco-Mutignano, grazie alla sensibilità dei fratelli Mario e Lorenzo D’Alessandro, presidenti della squadra, l’organizzazione dell’ AS. Pasquale Lisciani e la disponibilità dell’ arbitro Fabio Gentile di Teramo e i suoi collaboratori Miccoli e Di Marte, i calciatori brasiliani hanno potuto ricordare i loro compaesani , durante il minuto di silenzio, tenendo in mano un poster della “Associação Chapecoense de Futebol” insieme alla bandiera verdeoro. Momento veramente toccante che ha prodotto un silenzio sicuramente assordante coinvolgendo, indistintamente dai colori sportivi, tutto il pubblico assiepato sugli spalti.

Un piccolo gesto , semplice ma molto significativo da parte di tre ragazzi che pur lontano dalle loro famiglie e pieni di dolore nei loro cuori hanno voluto omaggiare i loro “colleghi” deceduti nel terribile incidente aereo avvenuto a Medellin, in terra colombiana.

Il risultato finale dell’incontro , 0 a 0 è stato solo un semplicissimo fatto di cronaca. Il vero risultato sportivo è stato ciò che è stato consumato all’inizio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento