Mani sapienti…e la pace

Print pagePDF page

OGGI 21 settembre è la giornata mondiale della Pace e non possiamo  dimenticare la guerra, dal momento che  si combatte ovunqueper motivi diversi, riconducibili al conflitto eterno  diritto e sopruso.Tante celebrazioni, patti, enunciazioni e poi…….l’indifferenza per bambini soldato, per la fame nel mondo, per le ingiustizie che non fanno notizia, nè impegno. La pace …non nasce a tavola  con un posto od un pasto aggiunto, perchè  la
cena qualche volta è l’ultima per chi è stato tradito dai fratelli.
Per testimoniare la fede, qualsiasi  credente ha la possibilità di vivere secondo le regole della famiglia universale.
Buone pratiche sociali possono essere il risultato dell’impegno di ciascuno nel  luogo  in cui vive, rispettando il vicino, l’ambiente,le risorse naturali i beni comuni. La tutela dei diritti è un bisogno di chi sente il prossimo e non sceglie per opportunismi.
Prima degli Statuti e delle Costituzioni cè il diritto naturale alla vita, all’ emancipazione, c’ è il diritto civile, c’è il diritto sociale.
La democrazia consente libertà che umanizzano la cultura e motivano la cittadinanza, ma per vivere la PACE non basta celebrare  per un solo giorno  tale ricchezza.
Spogliarsi di qualche privilegio non è sufficiente :è necessario donare con giustizia. I contributi migliori sono  i  doni scambiati con mani solidali. LA PACE HA BISOGNO DI  ISTRUZIONE ED EDUCAZIONE ALLA PACE E  PASSA….SOLO SE LA RESPONSABILITA’ e ‘LEGATA ALLA FRATELLANZA LA PACE SI PREPARA ……

CAMALEO CHIEDE AL DIRETTORE L’opinione sulla celebrazione e proposte d’
impegno necessarie..

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento