In questo mare si afFonda ( per fortuna e per giustizia tutti)

Print pagePDF page

ZatteraNon è una crociera, né una crociata, perchè non si combatte per la pace né si viaggia per turismo.

 

Si ricerca il ramoscello d’ulivo non sul becco della colomba di Pasqua, perchè è un disGUSTO parlare di chef e di cucine, quando si rubano le olive, si va in carcere per fame e si parla di agriturismo senza sporcarsi le mani.

È di moda il volontariato solidale in bottega, per la strada invece si disconosce e si esilia (una sorta d’ostracismo) chi non ha la borsa dei denari da promettere in nome di Ereb. Povera fanciulletta mitica!

È morta in Magna Grecia sul Tirreno, afFondata da velieri pirati. L’Unione Europea?!?

A Bruxelles CAMALEO ha chiesto: i fondi europei che tornano indietro e qualche volta portano nelle carceri alcuni, sono controllati nel progetto di attuazione di misure stabilite per dare lavoro al popolo?

A CAMALEO è pervenuta la seguente risposta: spetta alle istituzioni nazionali e locali controllare.

Quindi sia nel centro che in periferia è essenziale controllare chi promette, cosa promette, chi rappresenta e cosa e come vengono conDivisi i fondi.

Il diritto è di tutti e chi rappresenta certe deleghe dovrebbe essere perseguito in modo giusto, includendo nelle pene anche i mediatori o i prestanome.

Legalità e cittadinanza meritano un’interpretazione autorevole, non autoritaria, con regole gestite da chi ha fatto la storia, è morto per la storia e conosce trasformismi e metamorfosi.

A proposito di NATALE, nella mangiatoia il Bambinello non ci vuole stare. Oggi sta facendo sciopero. Inutile parlare di rinascita e di speranza. Certi soggetti meritano veramente una giustizia divina (vale la Fede nella Vita che è bella per chi ha come tribunale solo la propria coscienza).

Chi si specchia può fare la fine di Narciso.

Caro direttore, vorrei una sua opinione sulla nutrizione in tempi di fame. Lei è un biologo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento