Atletica, pioggia di record personali al Palaindoor

Print pagePDF page

Ancona- Si migliorano tanti atleti marchigiani: dall’allieva Vandi sui 400 ai velocisti nei 60 metri, fino ai cadetti

Ancona 13/02/2016 Campionati Italiani Allievi Indoor - Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Ancona 13/02/2016 Campionati Italiani Allievi Indoor – Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Gare appassionanti nella domenica del Palaindoor di Ancona, con due meeting e centinaia di atleti in pista. Nella riunione assoluta del pomeriggio, non mancano i risultati significativi a livello nazionale: la 21enne toscana Giulia Aprile (Esercito) corre sui 1000 metri in 2:46.98, seconda under 23 italiana sulla distanza nelle graduatorie alltime al coperto. Nei 400 femminili, vittoria con record personale dell’emiliana Raphaela Lukudo (Esercito) in 53.97, mentre l’allieva pesarese Elisabetta Vandi (Atl. Avis Macerata) si piazza quinta in 56.13, personal best indoor. La doppia figlia d’arte (i genitori sono il mezzofondista Luca e la quattrocentista azzurra Valeria Fontan) torna a mettersi in luce e diventa la sesta di sempre in Italia tra le under 18. Nella scorsa stagione ha conquistato l’argento tricolore dei 200 metri, invece nel 2015 l’oro dei 300 cadette. Sulla pedana del lungo il beneventano Stefano Tremigliozzi (Aeronautica), campione italiano in carica, atterra a 7,68 davanti al 7,62 del piemontese Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle).
Di nuovo in evidenza i velocisti marchigiani: sui 60 metri vinti dalla promessa Flavia Torreti (Studentesca Rieti Milardi) in 7.76, grande progresso per Dajana Flamini (Sport Atl. Fermo) che scende a 7.79 per togliere undici centesimi al suo primato. In batteria un’altra prestazione notevole della junior Martina Aliventi (Collection Atl. Sambenedettese), che sfiora il record personale con 7.77. Tra gli uomini vince Francesco Molinari (Olimpus San Marino) in 6.95 dopo il 6.91 della batteria, ma alle sue spalle vanno per la prima volta sotto il muro dei 7 secondi con 6.99 sia lo junior Vittorio Massucci (Sport Atl. Fermo) che il 28enne Marco Vescovi (Atl. Avis Macerata). Record personale anche di Alex Pagnini (Atl. Capanne Pro Loco), 22enne di Gradara, che si impone sui 400 metri in 49.06. Nell’alto brilla l’allievo Michele Pasquinelli (Sef Stamura Ancona), capace di aggiungere un centimetro al personal best con 1,91 nella gara vinta a 1,94 dal romagnolo Massimo Patuelli (Atl. 85 Faenza).
Nella riunione del mattino, spicca il risultato della cadetta emiliana Martha Codeluppi (Atl. Reggio) che con 3,60 è la migliore under 16 italiana di sempre al coperto, dieci centimetri in più rispetto al 3,50 dell’umbra Francesca Zafrani nella scorsa stagione. Ma tanti giovani marchigiani si fanno valere. Splendida sfida nel tetrathlon cadette: vince Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) con uno score finale di 2892, alle sue spalle 2781 per Angelica Ghergo (Atl. Osimo) e 2632 di Isabel Ruggieri (Collection Atl. Sambenedettese). Nell’alto cadetti Matteo Colletta (Sef Stamura Ancona) si migliora con 1,80 e cresce anche l’astista Ludovica Polini (Sport Atl. Fermo) superando la quota di 2,75. Sui 1000 metri vittorie di Daniele Pennacchietti (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) in 2:56.38 e di Anna Maria Pennesi (Atl. Civitanova) con 3:12.04.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento