Al via il campionato riservato ai disabili intellettivi relazionali

Print pagePDF page

San Benedetto- Io vogliogiocarealcalcio lo slogan coniato

E’ iniziato nelle Marche, e precisamente a Fermo, il nuovo campionato di calcio a 7 Figc (in collaborazione con il CSI) riservato ai disabili intellettivi relazionali denominato IV categoria. IOVOGLIOGIOCAREALCALCIO è lo slogan coniato e pubblicizzato in tutti i campi di calcio di serie A, B e C dopo la presentazione ufficiale del progetto avvenuta nel gennaio 2017 presso il Senato della Repubblica ed alla presenza del presidente Pietro Grasso e delle più alte cariche nel mondo dello sport italiano. Da quel giorno c’è stato un crescendo di squadre che si sono iscritte nei vari campionati regionali che si concludono, in uno stadio della Serie A, con le classiche finali nazionali e l’ assegnazione dello scudetto tricolore.

Molti club di Serie A, B, C e D hanno adottato le varie formazioni “special” presenti sul territorio nazionale e quindi ogni week end si vedono scendere in campo, tra le altre, anche blasonate squadre della massima serie come Inter, Milan e la Juventus con la dicitura appunto “for special”.

A San Benedetto del Tronto ad abbracciare subito con entusiasmo questo nuovo e meritorio progetto calcistico, è stata la società ASD Stella del Mare, costituita nel 2016 da vari insegnanti di educazione fisica coordinati dal prof. Roberto Ciferni. E la formazione rivierasca ha iniziato la stagione nel migliore dei modi superando per 3-0 il Porto Potenza. I gialloblù hanno anche disputato un’amichevole con la formazione maceratese ed anche in questa occasione si sono imposti per 7-4.

Siamo un gruppo di amici e colleghi insegnanti di educazione fisica –spiega Ciferni- che abbiamo pensato di unirci per cercare di colmare dei vuoti presenti nel mondo dello sport cittadino. Come primo progetto abbiamo deciso di impegnarci con professionalità nel campo dell’educazione motoria d’infanzia, periodo secondo noi di fondamentale importanza nel processo di crescita di ogni individuo. Oggi abbiamo più di 100 iscritti che seguono i nostri corsi nelle varie scuole cittadine dove operiamo in orario extrascolastico. A latere di questa che può essere considerata la nostra prima mission, con il tempo abbiamo maturato l’idea di riempire un altro vuoto che reputiamo esista nella nostra comunità e cioè lo sport per disabili. Al di fuori del nuoto c’è poco o nulla ed invece, si potrebbe fare tantissimo. Lo sport puo fare miracoli, soprattutto per chi vive una situazione di disagio fisico e/o psichico ed è quindi nostra intenzione lavorare in tal senso utilizzando lo sport come strumento e non come fine o scopo. Come strumento per educare, come strumento per includere, come strumento per recuperare”.

E da dove iniziare se non con il gioco più amato dagli italiani? E quindi –aggiunge Ciferni- abbiamo costituito con grande entusiasmo la nostra squadra di calcio “speciale” ed ora siamo pronti per la nostra prima sfida. Devo ringraziare in tal senso l’azienda “Idea Pallet” della famiglia Fioretti che ha appoggiato sin da subito il progetto e l’amministrazione comunale nelle persone degli assessori Emanuela Carboni (politiche sociali) e Pierluigi Tassotti (Sport) che non ci hanno fatto mai mancare il loro sostegno. Speriamo che la Stella del Mare “for special” vada bene in campionato perchè ci aiuterà ad avere sempre maggiore visibilità sui media locali, i quali a cascata saranno determinanti per il coinvolgimento di sempre più ragazzi “speciali” nei nostri nuovi progetti. E’ nostra intenzione –conclude Ciferni- strutturare, oltre al calcio, anche altri sport.Per info o contatti si può visitare il nostro sito www.stelladelmare.org, vi aspettiamo”.

Questa la rosa della Stella del Mare “for special”: Katia Neroni (capitano e unica donna), Fabrizio Lilli, Roberto Napoli, Pietro Del Gran Mastro, Matteo Pignotti, Stefano Pignotti, Giacomo Neroni, Alessio Laghi, Vincenzo D’ Angelo, Andrea Ciarrocchi, Lorenzo Troiani, Marco Pisani, Roberto Pasini, Denis Aloisi. All. prof. Paolo Rosati.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento