AIAC Onlus: allenatori per il sociale

Print pagePDF page

Ancona-  Il presidente Marcello Mancini è da sempre sensibile alle tematiche sociali

logo-AIACL’AIAC O.N.L.U.S nasce dall’esigenza di realizzare, promuovere e sviluppare attività di beneficenza e responsabilità sociale da parte di tutti gli allenatori.

L’AIAC con la costituzione dell’AIAC O.N.L.U.S. implementa così le propria attività verso obiettivi di rilievo sociale: razionalizzare ed ottimizzare tutte le risorse, finanziarie, umane e progettuali per il raggiungimento delle finalità preposte. L’AIAC O.N.LU.S. persegue infatti l’obiettivo di beneficiare persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari nonché componenti collettività estere, limitatamente agli aiuti umanitari. Senza tralasciare le situazioni psico-fisiche particolarmente invalidanti, situazioni di devianza, di degrado, di emarginazione sociale in cui si possono venire a trovare allenatori, ex allenatori e loro familiari.

Nell’ultimo periodo, gli sforzi programmatici dell’ Associazione si sono rivolti, in particolare ad alleviare le situazioni di disagio di allenatori colpiti da calamità naturali, l’Associazione ha altresì sostenuto e supportato quattro campus per ragazzi disabili, iniziativa conclusasi in una giornata a Coverciano tra percorsi motori, mini tornei, visita al Museo del Calcio e convegno sul calcio disabili.

A livello nazionale è nato il progetto “ Calciando la disabilità” progetto pilota nell’ambito della disabilità portato avanti dall’ AROUND ASCA TEAM di Savignano sul Rubicone, partendo da questa esperienza si è sviluppata inoltre l’ EDU IN-FORMA(ZIONE) BOLOGNA SCUOLA CALCIO AIAC ENZO CERE’.

L’AIAC già da anni collabora con AIFO, organizza corsi per istruttori di calcio negli istituti penitenziari (da ultimo nelle cittá di Bari, Potenza, Caltanissetta e Genova da ultimo Bollate Milano).

Grande è l’impegno del Presidente Nazionale Ulivieri in Libano con giovani profughi.

Il Presidente dell’AIAC ONLUS Mancini Marcello e una rappresentativa dei membri del Consiglio della ONLUS, il 18 settembre 2016, è stata ricevuta da Sua Santità Papa Francesco, in tale occasione è stata donata a Sua Santità una targa e una maglia con scritto “FRANCESCO COACH” questo il suo monito: “Bravi andate avanti con coraggio”

Il 4 novembre p.v. allo stadio Sinigaglia di Como ha avuto luogo un evento di charity inserito nel 37^ Symposium dell’AEFCA. Il ricavato del triangolare di beneficenza disputato fra la Nazionale Stilisti, le Vecchie Glorie del Como e una formazione AEFCA (Allenatori Europei ed Italiani) è stato devoluto all’Associazione “Quelli che…per Luca onlus” per il progetto la “stanza di Luca” nel laboratorio di terapia genetica e cellulare Stefano Verri impegnato nello studio e nella cura delle leucemie linfoblastiche nei bambini. Un assegno di € 8.000,00 è stato consegnato dal Presidente Mancini al padre di Luca, Andrea Ciccioni, durante la partita Como – Arezzo nel mese di dicembre 2016.

Innumerevoli i congressi ai quali la ONLUS ha preso parte relativi all’INCLUSIONE sociale da ultimo il “II Convegno nazionale calcio per disabili” in collaborazione con AROUND ASCA TEAM di Savignano sul Rubicone. Di grande interesse i temi relativi ai Migranti, la ONLUS ha organizzato un convegno dal titolo “Vento in Porta” a Catania, “più cuore in campo” in Abruzzo, il Ruggito del Pallone” a Fano ed ha collaborato nell’organizzazione dell’evento “ Il calcio Unisce” ad Enna, e alla Xi Giornata Nazionale degli sport Paralimpici a Bologna. Ha sostenuto CRAZY FOR FOOTBALL, QUARTA CATEGORIA “campionati speciali” e IO TIFO POSITIVO nell’ambito della campagna educativa scolastica. Tante le attività di beneficenza intraprese in favore di associazioni impegnate nel mondo sociale fra cui l’ASD Quartotempo, l’Associazione Santarcangiolese “Paolo Onofri” ONLUS, l’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi- ONLUS, Salvatore Mango, l’AIAC ONLUS ha sostenuto la campagna SMS Solidale Parent Project onlus – insieme per fermare la Duchenne e l’evento “partita del Cuore” per regalare un furgone ad Andrea malato SLA.

In seguito all’accordo FIGC e CSI ( volto all’istituzione del i torneo sperimentale denominato “quarta categoria” per ragazzi disabili ) l’AIAC ONLUS avvierà corsi di formazione per allenatori per calciatori e calciatrici disabili. Si stanno gettando le basi per porre collaborazioni con l’ UNHCR (Altro Commissariato delle Nazioni Unite) per progetti a favore di rifugiati.

L’Associazione ha partecipato a bandi regionali ed europei relativi progetti finalizzati alla realizzazione di interventi integrati per favorire l’inserimento socio lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione sociale (immigrati, disabili, neet). Si è candidata altresì al bando della Fondazione Vodafone Italia Call for ideas con il progetto “Powerchair football care”

Tante altre le iniziative al vaglio del Consiglio direttivo composto da Marcello Mancini (Presidente), Viviana Gasparini (Segretaria), Massimo Buratti, Melissa Milani, Corsolini Luca, Milanesi Stefano, Beretta Mario, Medoro Antonello, Zuddas Massimiliano, Gurriera Laura, Nerini Arianna.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento